• Slider home
    Karate Shotokan
    La tradizione che perdura
    Tigre
    Disciplina
    Determinazione
    Coerenza
    Rettitudine
    seconda animazione
    Karate Shotokan
    La tradizione che perdura
    terza animazione
    Karate Shotokan
    La tradizione e la forza.

slide stage nazionale domegge concluso

Si è da poco concluso lo Stage Nazionale A.I.C.S. svoltosi a Pieve, Calalzo e Domegge di Cadore il 9 e 10 Giugno.

I lavori sono iniziati ieri mattina con 4 ore di lezioni teoriche tenute dal Prof. Marco Bacchilega e i Maestri Antonio Lallo e Giampaolo Santomauro e sono terminati oggi nel primo pomeriggio. I partecipanti totali sono stati più di 200, tra i quali 55 istruttori. Quando ad uno stage prendono parte così tante persone è doveroso garantire un livello elevato.

Quest’anno posso affermare che abbiamo praticato Karate con la K maiuscola. Con le cinture nere e gli istruttori abbiamo lavorato sul kumite tradizionale a mani aperte e rotazioni, per proseguire con Kata impegnativi : Enpi, Chinte, Gojushjosho, Hangetsu, Gankaku e relativi bunkai. Gli agonisti di Kata si sono allenati con il M’ Jody Ciotti di Rimini e gli agonisti di Kumite con il M’ Massimo Portoghese di Napoli, entrambi allenatori della Nazionale giovanile Fijlkam, i più’ giovani con i Maestri Giampaolo Santomauro, Antonio Lallo di Avellino e Alessandro Cesco Bolla di San Pietro Comelico, le cinture colorate con i Maestri Franco Destro di Padova e Daniele Bondi di Forlì.

Lasciatemelo dire: un Signor programma

Ringrazio i miei 7 colleghi Maestri, che con la loro professionalità hanno contribuito al raggiungimento di obiettivi così importanti. Grazie a tutti voi partecipanti, ho constatato che vi siete impegnati al massimo, e per me questo è motivo di enorme soddisfazione: ho la consapevolezza che vi porterete a casa molto su cui poter lavorare. Grazie anche a tutti coloro che con la loro presenza silenziosa e il loro contributo esterno hanno reso possibile e anche gradevole l’evento. Appuntamento all’anno prossimo quindi: Karate sempre con la K maiuscola.

Maestro Roberto Bacchilega